Servizi

Fin dalle sue origini, bhsl ha sempre puntato a fornire servizi ai propri clienti, non solo a commercializzare le proprie caldaie. La rivoluzionaria tecnologia bhsl può essere applicata a svariate tipologie di combustibili rinnovabili, che in precedenza non venivano presi in considerazione per la combustione. Questi combustibili producono grandi quantitativi di ceneri, che determinano una rapida usura dei componenti dell’impianto, pertanto i tecnici bhsl si sono specializzati nella gestione e nella manutenzione di queste tipologie di impianto, permettendo così ai loro clienti di concentrarsi sul proprio core business.

Tutte le unità di combustione a letto fluido commercializzate da bhsl sono coperte da un contratto di manutenzione e assistenza & continuativo. L’impianto è collegato alla centrale operativa bhsl, attiva 24 ore su 24, sette giorni su sette, che riceve continuamente informazioni sul suo funzionamento, oltre a offrire ai clienti un servizio di assistenza tecnica telefonica non stop. I problemi relativi agli impianti vengono segnalati automaticamente al centro operativo: qui un tecnico può accedere al sistema per eseguire regolazioni o resettare l’impianto a distanza. In alternativa, potrà contattare il cliente per offrire assistenza ai membri del personale dell’allevamento addestrati nell’esecuzione di interventi non complessi.

La centrale operativa gestisce anche tutti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, che vengono affidati a tecnici caldaisti locali. Questi interventi costanti sono fondamentali per garantire un funzionamento efficiente e affidabile dell’impianto.

Riscaldamento

bhsl ha sviluppato una gamma di unità di combustione a letto fluido in grado di erogare acqua calda alla temperatura di 85 °C per il riscaldamento agricolo, il teleriscaldamento, processi di trasformazione degli scarti di macello, ecc.

Nel Regno Unito, il calore utilizzato nelle abitazioni, negli edifici pubblici, nelle aziende e negli stabilimenti rappresenta circa il 50% di tutta l’energia consumata, ed è responsabile di circa la metà delle emissioni totali di anidride carbonica. Secondo Greg Barker, Ministro per l’energia e i cambiamenti climatici britannico, “Intraprendendo subito delle iniziative per passare dai combustibili fossili a fonti di calore verdi più pulite e sostenibili, contribuiremo a ridurre l’impatto ambientale dei nostri consumi di calore, assicurando al Regno Unito fonti di energia sicure e affidabili.”

bhsl è pronta a seguire questo appello fornendo ai propri clienti soluzioni di riscaldamento basate su combustibili rinnovabili come biomasse o altri sottoprodotti disponibili in loco.

Elettricità

In tutti i luoghi in cui sono presenti quantitativi sufficienti di biomasse è possibile produrre energia elettrica, oltre che calore: in questo caso si parla di “cogenerazione”, nota anche con l’acronimo inglese CHP (Combined Heat and Power). bhsl ha testato una soluzione basata sull’impiego di una turbina a gas a combustione esterna (EFGT – Externally Fired Gas Turbine) e prevede di commercializzare il proprio prodotto nel corso del 2012.

Ultime notizie